Ansul – Protezione antincendio per i ristoranti

ANSUL - protezione antincendio ristoranti

Chi decide di aprire un ristorante ha di fronte a sé un percorso ad ostacoli assai impegnativo, rappresentato da tutte le prescrizioni a cui fare riferimento per essere in regola. Una volta aperto il ristorante ha poi bisogno di manutenzione continua e soprattutto certificata.

Protezione antincendio per i ristoranti

Fra tutti i pericoli che possono capitare, il rischio incendio è senza dubbio quello più presente. Il tema ovviamente è la salute dei dipendenti e degli avventori, in seconda battuta c’è il rischio economico dovuto alla possibilità di rendere inutilizzabili le attrezzature e l’immobile stesso.

Per ovviare a tutto ciò si seguono protocolli di sicurezza ben specifici e cadenzati. Sebbene la legislazione indichi i parametri attuativi delle prescrizioni, nulla vieta di avvalersi di sistemi capaci non solo di prevenire il rischio incendio o di minimizzarlo, ma di farlo nella maniera più efficace. Succede così che le realtà commerciali più diffuse nel mondo scelgano di proteggersi in maniera più capillare sfruttando la ricerca tecnologica. Vediamo come il tema della prevenzione incendi nei ristoranti può diventare un punto di forza e non solo uno degli argomenti necessari per essere in regola.

Cosa può fare la tecnologia Ansul® per la protezione intelligente nei ristoranti

Come è facilmente intuibile, qualsiasi sistema antincendio prima interviene meglio è. Rispetto alla regola generale occorre riflettere sull’aumento esponenziale del rischio a seconda dell’ubicazione del ristorante. Pensiamo alle cucine professionali negli alberghi, negli ospedali, scuole, centri commerciali, tutti luoghi in cui la protezione dal fuoco deve essere reale, efficace e controllata.
Il Sistema RED (Restaurant Electric Detection) di Ansul rappresenta una tecnologia di nuova generazione che si aggiunge ai sistemi Ansul già in essere. Le zone di intervento diventano indipendenti ed arrivano fino a 16 postazioni. I punti di cottura del ristorante vengono coperti da sensori che sono in grado di attivarsi nel punto singolo di pericolo e non in tutto il ristorante.
Il vantaggio rispetto al tradizionale modo di intendere la copertura antincendio è indubbio, il sistema intelligente direziona l’intervento la dove il pericolo è attivo e reale. Da ciò deriva che il funzionamento del ristorante non subisce stop, ciascuna isola non direttamente in contatto con il fuoco prosegue la sua attività e soprattutto non occorre più ripristinare i locali con cicli di pulizie impegnativi e costosi in termini di tempo e denaro.
RED può essere configurato come unico sistema in più parti dell’edificio, soluzione utile quando si hanno più cucine nello stesso building. In caso di normale manutenzione o pulizia specifica di una sola cappa, il sistema antincendio RED assicura continuità di funzionamento alle altre isole, grazie al riconoscimento e all’isolamento dei circuiti di rilevamento.
La centralina di RED è stata pensata per sgravare il ristorante dal dovere di controllare lo stato di funzionamento ottimale e dalla necessità periodica degli interventi di manutenzione. In automatico provvede infatti ad informare l’utente sulla necessità di intervento e fornisce sul display le informazioni di contatto. L’esperto Ansul prende in carico l’impianto e ne assicura il funzionamento e la corretta manutenzione.

Perché il Sistema Ansul assicura maggiore efficacia antincendio

Quante volte ci è capitato di sentire dalla stampa o dai telegiornali di incendi occorsi a, più o meno, famosi ristoranti ubicati nei centri cittadini? Con tutta probabilità ciascuno di essi aveva ottemperato con dovizia alle prescrizioni di legge. Evitare le multe non è l’obiettivo dell’imprenditore, e non può nemmeno essere considerata una condizione di tranquillità avere gli estintori in buono stato e nei punti giusti, il piano di evacuazione bene evidente ecc. Il vero obiettivo è che l’incendio non si propaghi, che le persone siano al sicuro, che le attrezzature non vengano distrutte, che il ristorante sia agibile in breve tempo o addirittura che non arresti la sua continuità e così via.
Per questi motivi Entasys ha scelto i protocolli Ansul. Proviamo a visualizzare punto per punto ciò che è ritenuto sufficiente per la norma e ciò che è ottimale per Entasys:

  • la norma UNI EN 16282-7 elenca sei punti imprescindibili a cui fare riferimento:
    • Chiarezza nei protocolli di prova
    • Installazione da parte di tecnici qualificati
    • Considerazione dei rischi da parte di tutti gli apparecchi
    • Copertura degli apparecchi sotto la stessa cappa
    • Identificazione visibile della conformità
    • Affidabilità del sistema di rilevamento
  • I Sistemi Ansul oltre ad assicurare l’attuazione della normativa vigente contempla sei condizioni aggiuntive:
    • I sistemi sono testati da enti esterni certificati UL 300 e LPCB LPS 1223 e omologati VdS
    • Ogni tecnico possiede una tessera identificativa che dimostra il completamento del training e della certificazione ANSUL
    • Le prove di prodotto ANSUL riguardano i prodotti di aspirazione e la maggior parte delle apparecchiature
    • Le soluzioni ANSUL proteggono da più rischi con sistemi progettati in modo specifico
    • Applicando il logo ANSUL si conferma la corrispondenza della propria cucina alla norma UNI EN 16282-7
    • Le soluzioni ANSUL hanno un sistema di rilevamento specifico per la ristorazione con interruzione automatica del combustibile e dell’elettricità.

Si tratta di un passo in più che va verso l’efficienza.

Potrebbero interessarti anche questi articoli
×