Che cosa è l’AiCARR?

AiCARR è l’acronimo di Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento e Refrigerazione. L’attività che svolge sin dal 1960 ha un impatto notevole sul progresso sullo sviluppo in materia di energia termica.

L’aspetto che più impatta sull’attività di Entasys è senza dubbio la qualità ambientale. Avere AiCARR come interlocutore assicura un livello di professionalità per i nostri tecnici, di primo livello.

Entasys ha sposato la cultura e il pensiero di AiCARR, secondo cui è fondamentale diffondere il pensiero di un ambiente che sia ecosostenibile. Un benessere che sia coerente con la necessità di abbattere i costi generati da fonti non rinnovabili, in favore di fonti energetiche rinnovabili.

Questo si traduce nella ricerca di un continuo equilibrio tra l’uomo energivoro e ambiente sano, attraverso l’utilizzo di mezzi e strumenti tecnologicamente efficienti, innovativi e rispettosi per l’ambiente.

Cosa significa essere socio AiCARR

Essere socio AiCARR significa:

  • poter partecipare a convegni in cui i più importati tecnici del settore partecipano e condividono le proprie esperienze
  • condividere nuove opportunità di sviluppo formativo
  • partecipare ai tavoli tecnici per supportare nuove scelte sulle modalità operative
  • restare sempre aggiornati in materia tecnica, efficienza energetica e sulle certificazioni energetiche
  • poter formare il personale verso le nuove tecnologie
  • avere un vantaggio nei confronti di tutti quei competitor, sprovvisti di tale certificazione, quando il cliente valuta le credenziali.

Il settore in cui è presente Entasys, è un settore sempre in fermento. L’aggiornamento delle normative e del settore tecnologico è un connubio che non può essere sottovaluto dalle aziende e dai professionisti (tecnici e ingegneri progettisti) di questo settore. Spesso durante i convegni organizzati vengono create o aggiornate le linee guida operative.

Entasys e AiCARR perseguono l’obiettivo di un mondo sostenibile

La condivisione delle idee e della formazione rende tutto ciò un modo di proporre l’attività di manutenzione green, qualcosa di consapevole. La progettazione corretta, in primis, svolge un ruolo fondamentale. Un impianto di climatizzazione progettato in ottica green, e realizzato avendo cura della manutenzione successiva, è un impianto più facilmente controllabile dal punto vista della gestione, dell’efficienza energetica e dalla possibilità di cambiare o combinare le nuove fonti energetiche che il passare del tempo propone.

Far parte del progetto AICARR, è motivo di orgoglio, perché è un grosso progetto sia dal punto di vista etico, sia dal punto di vista culturale. È un investimento per il futuro del pianeta. Spesso capita che il continuo impegno nel soddisfare i clienti, fa perdere di vista il benessere di tutti. AiCARR, in questo senso ci aiuta! Quando si propongono nuove soluzioni per nuovi progetti, interventi di ripristino, ammodernamento, la formazione dei tecnici, la partecipazione a convegni sul benessere del pianeta, garantisce la possibilità di proporre soluzioni in ottica ecosostenibile.

L’impegno per l’ambiente

I prodotti e gli strumenti che utilizziamo durante i nostri interventi presso i nostri clienti sono tutti ecocompatibili e rispettosi dell’ambiente. Ci preoccupiamo di non inquinare le acque della falda scaricando prodotti reflui inquinanti, non rilasciamo in ambiente i cosiddetti GAS FLUORURATI, che sono una delle cause dell’effetto serra, gli imballaggi e i prodotti di scarto adeguatamente divisi e smaltiti negli appositi contenitori.

Gli impianti che abbiamo in gestione, oltre a rispettare la normativa sui “Gas Serra”, rispettano anche le direttive che si riferiscono ai dispositivi in pressione, denominata Direttiva P.E.D. (acronimo inglese di Pressure Equipment Directive). In pratica, questa direttiva, si riferisce a tutti quei contenitori, tubi, accessori di sicurezza che sono presenti in un unico impianto o sistema funzionale.

La P.E.D. stabilisce la classificazione di tutti le attrezzature e strumenti che sono posti in pressione, il loro limite e il grado di pericolosità assunto quanto è sottoposto ad utilizzo. La pericolosità è strettamente legata alla quantità di energia che si sprigiona in seguito alla rottura.

×

 

Contattaci!

Un esperto ti risponderà il prima possibile.

×